fbpx

Viaggio in treno: riaperti i binari storici

13 Agosto 2017
News ed Eventi

Viaggiare in treno rappresenta una valida alternativa per coloro che si affacciano alle porte di una vacanza.
Scelta obbligata, per i più timorosi di volare, e voluta, da coloro che con sguardo sognante vogliono godersi un viaggio alla vista di meravigliosi paesaggi al di là del finestrino, il treno ha sempre conservato il suo posto intoccabile nell’organizzazione di un viaggio.

Sono molte le linee che nel corso del tempo hanno smesso di funzionare.In particolare, l’Italia possiede migliaia di chilometri di ferrovie poco utilizzate o addirittura dismesse in contesti splendidi: dalle campagne toscane alle montagne sarde, passando per i laghi prealpini, gli Appennini e la Sicilia.

Le speranze affinché questi storici binari venissero risistemati, e quindi riaperti, sono sempre state molte. Oggi il turismo lento e sostenibile può finalmente tirare un sospiro di sollievo: pochi giorni fa, infatti, è stato approvato in Senato il disegno di legge che prevede l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico.

Ecco l’elenco delle 18 ferrovie che a breve potranno finalmente essere ripercorse:

  1. a) Sulmona-Castel di Sangro (Abruzzo)
  2. b) Cosenza-San Giovanni in Fiore (Calabria)
  3. c) Avellino-Lioni-Rocchetta Sant’Antonio (Campania)
  4. d) Sacile-Gemona (Friuli Venezia Giulia)
  5. e) Palazzolo-Paratico (Lombardia)
  6. f) Castel di Sangro-Carpinone (Abruzzo/Molise)
  7. g) Ceva-Ormea (Piemonte)
  8. h) Mandas-Arbatax (Sardegna)
  9. i) Isili-Sorgono (Sardegna)
  10. l) Sassari-Palau Marina (Sardegna)
  11. m) Macomer-Bosa (Sardegna)
  12. n) Alcantara-Randazzo (Sicilia)
  13. o) Castelvetrano-Porto Palo di Menfi (Sicilia)
  14. p) Agrigento Bassa-Porto Empedocle (Sicilia)
  15. q) Noto-Pachino (Sicilia)
  16. r) Asciano-Monte Antico (Toscana)
  17. s) Civitavecchia-Capranica-Orte (Lazio)
  18. t) Fano-Urbino (Marche)

Non resta altro che aspettare la riapertura ufficiale e prepararsi finalmente a un’immancabile partenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scrivici su Whatsapp