fbpx

Un giro tra i luoghi più stravaganti: scopri le città più colorate al mondo

20 Settembre 2017
News ed Eventi

Il mondo è talmente grande che non basterebbe una vita in viaggio per scoprirlo tutto.
Andare alla ricerca di posti unici, originali e fuori dal comune è per molti uno dei modi per stringere il campo di scelta e riempire il proprio bagaglio di ricordi con pochi, ma validi luoghi da visitare.
Tra le stravaganti alternative un’idea potrebbe essere la ricerca di mete coloratissime: sono infatti tanti i luoghi nel mondo in cui le abitazioni, i palazzi e addirittura interi quartieri si ribellano alle consuetudini con pennellate di colore acceso.
Ve ne consigliamo alcuni assolutamente da non perdere!


1. Burano – Venezia – Italia

Burano è una delle isole di Venezia, famosa per il suo merletto e per le case colorate. Dimora di grandi artisti come Baldassare Galuppi, Remigio Barbaro e Pino Donaggio, ed ispiratrice dell’Arte Buranella.

Tutti i visitatori di Burano rimangono affascinati dai suoi mille colori e dalle case colorate che si riflettono nelle acque verdi dei canali, dal campanile storto, dalla sua tranquillità e dalla calma con cui le anziane signore ricamano l’originale merletto buranello, principale attrazione della manifattura artigianale del paese insieme alla lavorazione del vetro a lume. Una volta arrivati in loco , sembra quasi di essere in paradiso: bambini che sfrecciano liberi con la loro bicicletta, balconi variopinti grazie ai colori dei fiori, pescatori che issano il pesce fresco appena pescato dalle loro imbarcazioni tipiche.

I colori delle case, che oggi sono diventati la caratteristica principale dell’isola, una volta servivano a delimitare le proprietà. Esiste tuttavia una “leggenda” legata al carattere variopinto dell’isola, la quale narra che erano i pescatori a dipingere la propria casa, al fine di riconoscerla da lontano durante i lunghi periodi di assenza dovuti alla pesca.

2.Cudillero – Asturie – Spagna

Chi ama trascorrere le proprie vacanze in luoghi caratteristici può trovare un’ottima meta recandosi a Cudillero, pittoresco villaggio di pescatori asturiano che ha molto da offrire ai suoi visitatori grazie al suo mix di mare, arte, natura e ottima gastronomia.

In una baia raccolta ad ovest si trova questo porticciolo che in realtà ha una antica tradizione di pesca e sono proprio le taverne di pescatori ad accendere di colore la piazza del paese. Come per Burano il colore è un riferimento facile per chi va per mare, soprattutto per pescare nelle ore meno illuminate della giornata.

La necessità nel tempo si è fatta virtù turistica e ora Cudillero è un borgo intimo e romantico molto visitato e fotografato, ma soprattutto una garanzia di bellezza per chi si reca nelle Asturie.

 

 

 

3. Hundertwasserhauss – Vienna – Austria

In quel della tradizionalissima Vienna è stata l’idea di Friedensreich Hundertwasser  a spingere alla realizzazione di ben 52 appartamenti, ognuno diverso dall’altro, coperti da piante, accesi di colore e mossi dalle forme. I lavori iniziarono nel 1983 per poi concludersi nel 1985.

Oggi Hundertwasserhaus rappresenta un mosaico vivente, un esempio di edilizia popolare votata al colore, alla fantasia, all’amore per la natura e alle differenze e una delle principali attrazioni architettoniche dell’Austria che ogni anno attira visitatori da tutto il mondo.

4. Notting Hill – Londra – Gran Bretagna

Le strade di Notting Hill non sono solo il set perfetto per un’avvincente storia d’amore, come non citare qulla tra Hugh Grant e Julia Roberts, qui, tra minuscolecase attaccate le une alle altre, pitturate con colori accesi e tonalità pastello e boutique vintage, si svolgono uno dei mercati più famosi al mondo e il più grande street festival in Europa.

Ad arricchire tipiche e coloratissime case anche giardini e fiori che adornano le porte di ferro poste al culmine di 3-4 gradini. L’atmosfera di Notting Hill è magica, non si può non respirarla almeno una volta nella vita!

5. Quartiere Francese – New Orleans – USA

Dulcis in fundo tra le coloratissime mete anche il quartiere francese di New Orleans. Tra le vie più antiche della città delle radici del blues e d’America si deve cercare la tipica architettura coloniale, importata in questo caso dalla comunità francofona. Facciate, balconi, gallerie si accendono di colore e rendono quasi impossibile guardare dove si mettono i piedi una volta imbarcati in queste stravaganti vie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scrivici su Whatsapp